Bibliografia


Dal 2000 al 2004 ho creato numerosi eventi, tra cui due edizioni del “Percorso letterario nelle piazze del centro storico di Foggia” con il Comune di Foggia.

Nel 2012 ho istituito il festival nazionale del libro “Libri per ogni palato” che ha portato a Foggia decine e decine di autori importanti con il patrocinio di enti locali e del Ministero dell’Università e Ricerca Scientifica, ottenendo una lettera di plauso persino dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Nel 2011 autore del libro “Codici dal passato”.

Un vecchio documento degli anni Trenta, un testo che contiene segnali che indicano un percorso verso la verità, la storia di un giornalista che si trova a scoprire che è in arrivo un conflitto globale dove l’uomo diventa intoccabile perché è utile al sistema e la sua presenza attiva nel sistema consente di portare economia ai potenti. Segnali lasciati nel tempo, un labirinto di informazioni da interpretare o da seguire. Nessun Nostradamus o scritti Maya, ma delle indicazioni estremamente chiare che portano ai giorni nostri. Partiti allo sbando, la monarchia dei potentati economici vestita di democrazia dai governi europei, l’occupazione della Libia del terzo millennio proposta come la sua liberazione. Si prepara il più grande conflitto del nostro pianeta, ad annunciarlo un testo scritto nel 1937 e ritrovato ai giorni nostri. Un richiamo alla pace e all’ordine, alla fede, altrimenti sarà la crisi globale. E se per la seconda guerra mondiale ci fu un conflitto bellico senza precedenti, questa volta non ci saranno bombe da far esplodere…

Acquista il libro

 

Nel 2012 autore del libro-romanzo “Amare l’amore”.

Se Rodolfo Valentino fosse catapultato nei giorni nostri come avrebbe affrontato la realtà femminile, con la donna totalmente emancipata, capace di prendere iniziativa in tutto, di affrontare tutte le sfaccettature del sesso senza parlare di amore? Il Valentino di ieri proiettato ai giorni d’oggi saprebbe conquistare una donna con gli sms, con i dialoghi delle chat, al posto degli sguardi o delle parole d’amore dette o scritte?

Acquista il libro

Nel 2013 biografia  “Rodolfo Valentino” 

Vogliamo dirlo? E diciamolo: Valentino, il latin lover per antonomasia, il primo grande divo del cinema, l’attore che conquistò milioni di donne, non era così bello. Certo non come Jonny Depp e Brad Pitt, o Gabriel Garko, per rimanere in Italia. Valentino incantava le donne con l’intensità dello sguardo, le stregava con ogni suo gesto. Soprattutto con le sue movenze, i suoi passi di danza. Forse proprio nel limite di quel silenzio cui era costretto il cinema muto degli anni Venti, è custodito il segreto del mito di Valentino. Non potendo dare voce ai propri personaggi, gli attori allora cercavano di infondere se stessi nella gestualità. Valentino fece di più, portando questo movimento a poesia grazie al ballo. E fu quel ballo il primo contatto di Valentino con gli spettatori dell’epoca. Li conquistò: donne e uomini. Non è un caso che in questo libro venga dato ampio spazio alla supposta omosessualità di Valentino. Tutti comunque ne ammirarono la passione pulsante in ogni passo, in ogni piroetta, l’erotismo insito nel casqué. “La danza è poesia”, era solito dire, e Rodolfo Valentino visse danzando. Seppe inseguire oltre l’Oceano quel sogno che lo infiammava sin da bambino: con movimenti eleganti, sguardi intensi, passi di danza indimenticabili, aveva conquistato il mondo del cinema, ammaliato milioni di donne. Visse come un giovane dio dell’amore e morendo consegnò il suo mito alla storia.

Acquista il libro

 

Nel 2022 prossima uscita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Siamo passati dall'epoca in cui si viveva a quella in cui si cerca di sopravvivere